corna consulting

Il Decreto n.215 del 12/12/2016 ha stabilito l'obbligo di frequentare un corso di formazione per l'uso corretto del tachigrafo, sia digitale che analogico andando ad integrare il regolamento europeo UE 165/2014.

  corso sul cronototaghigrafo e i tempi di guida 1100x377

CORSO DI FORMAZIONE SUL CORRETTO UTILIZZO DEL CRONOTACHIGRAFO E ISTRUZIONI OPERATIVE

Il decreto 12 dicembre 2016 ha stabilito per le imprese la facoltà di far svolgere ai propri dipendenti autisti un corso di formazione per l’utilizzo del cronotachigrafo e l’obbligo di fornire adeguate istruzioni operative. In caso di infrazioni in materia non scatterà la responsabilità in solido per l’impresa se quest’ultima ha scelto di far frequentare l’apposito corso di formazione ai conducenti.

Di seguito i principali aspetti del Decreto:

  • Gli obbligati a svolgere questo corso  sono tutti gli autisti di autotrasporti muniti di cronotachigrafo (mezzo superiore a 3,5 tonnellate) che svolgono la mansione in modo professionale, sia per conto proprio che per conto di terzi a qualsiasi titolo e in forza di qualsiasi contratto di lavoro, compresi i contratti per prestazioni saltuarie, discontinue, temporanee o a chiamata. 

  • Non sono obbligati a effettuare il corso di formazione coloro che svolgono la mansione di autista in modo occasionale e che non sono inquadrati come tali.

  • L’attività formativa ha una durata minima di 8 ore e il corso ha una validità per un periodo di cinque anni dalla data della sua emissione. Il Decreto indica i contenuti del corso che sono descritti all’allegato 1 del presente Decreto.

  • Sul Decreto non è indicato un termine per effettuare il corso di formazione.

  • Ad oggi non c’è un obbligo per le imprese e datori di lavoro di formare i propri dipendenti sull’uso del cronotachigrafo, non è prevista una sanzione per chi non svolge il corso e durante un controllo la Polizia Stradale non richiede l’esibizione dell’attestato di frequenza, deve essere il conducente a esibirlo se in suo possesso.

  • Assicurare la formazione ai conducenti sul tema ha la conseguenza diretta per le imprese/datori di lavoro di poter essere sollevati dalla corresponsabilità in materia di infrazioni commesse dagli autisti sull’utilizzo del cronotachigrafo e sul rispetto dei tempi di guida e di riposo. In questo modo le sanzioni non potranno essere attribuite ai datori di lavoro o all’impresa oltre che al conducente, perché l’impresa può dimostrare di aver fornito ai propri dipendenti tutti gli strumenti di conoscenza e la formazione necessaria e perciò non scatterà la responsabilità in solido per l’impresa.

 

I soggetti autorizzati all'erogazione dei corsi di formazione per l'utilizzo del cronotachigrafo sono:

  • Tutte le autoscuole, compresi i loro consorzi che svolgono corsi di teoria e guida per il conseguimento delle patenti superiori, cioè dalla patente C inclusa in poi;

  • Le autoscuole che abbiano ottenuto il permesso ad effettuare i corsi di qualificazione iniziale e periodica per il conseguimento della carta di qualificazione del conducente (CQC);

  • I centri  di  istruzione automobilistica, costituiti da consorzi di autoscuole, che abbiano ottenuto il permesso ad effettuare i corsi di qualificazione iniziale e periodica per il conseguimento della carta di qualificazione del conducente (CQC);

  • Gli enti definiti come “soggetti attuatori” dall’art. 3, comma 2 del D.P.R. 29 maggio 2009, n. 83;

  • Gli enti accreditati allo svolgimento dei corsi di formazione professionale di 150 ore per i trasporto di viaggiatori e di merci per conto di terzi di cui al decreto del Ministro dei trasporti del 16 maggio 1991, n. 198;

  • Gli enti accreditati allo svolgimento dei corsi di formazione preliminare di 74 ore riservati alle imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi con mezzi di massa complessiva superiore a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate di cui al Decreto dirigenziale del Capo del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici del 30 Luglio 2012, n. 207; 

  • Le imprese di autotrasporto di merci e di viaggiatori, ivi compresi i consorzi e le cooperative, aventi in organico almeno 35 dipendenti con qualifica di conducente assunti con contratto a tempo indeterminato. 

 

Obbligo di istruzioni operative:

L’art. 7 del decreto 12 dicembre 2016 stabilisce inoltre che le imprese devono fornire ai propri conducenti un documento scritto, controfirmato dal conducente stesso e contenente adeguate istruzioni in merito alle norme di comportamento a cui devono attenersi nella guida, per garantire il rispetto della normativa vigente relativa ai tempi di guida e al buon funzionamento del cronotachigrafo.

Tale documento scritto ha validità solo per l'impresa che lo ha rilasciato e per un anno dalla data della  firma del conducente.

Per assolvere ai previsti obblighi di controllo (di cui al Regolamento n. 165/2014, art. 33, commi 1 e 3) le imprese devono garantire verifiche periodiche sull'attività dei propri conducenti, almeno ogni 90 giorni.

Le imprese devono compilare un resoconto scritto dell’esito di tali controlli e il documento, controfirmato dal conducente, deve essere conservato presso la sede dell'impresa per almeno un anno dalla data di compilazione.

Si tratta quindi di documenti ai quali viene attribuita efficacia probante ai fini di eventuali controlli non solo su strada, ma anche presso la sede dell’impresa.

 

Per informazioni contattaci allo 0445 446930 oppure via mail scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.